Volontari insieme, per realizzare aule verdi ed un sentiero naturale

 E’ giunto nella sua fase conclusiva il progetto Vivi il Parco, che finanziato dal CSV Basilicata, patrocinato dall'Ente Parco della Murgia Materana, vede coinvolto il Centro di Educazione Ambientale di Matera e la sezione materana degli scout C.N.G.E.I. insieme a una rete di altre quattro associazioni di volontariato (Associazione Amici del Parco della Murgia Materana, Trekking Falco Naumanni, Fidas Basilicata, Unitre – Università delle Tre Età), nella progettazione e realizzazione partecipata di piccole aree e sentieri attrezzati a supporto della fruizione sostenibile del Parco.

Nello specifico, i volontari delle associazioni coinvolte realizzeranno nei prossimi week-end fino alla fine di ottobre, nelle aree di pertinenza del Cea, alcuni capanni in pali di castagno che costituiranno nel loro complesso delle piccole aule verdi che potranno essere utilizzate come luoghi di incontro da parte delle stesse associazioni per lo svolgimento delle attività di proprio specifico interesse – dichiara Marco Pelosi del CNGEI.

Il progetto, continua Paolo Montagna Direttore del Cea, se mira da un lato a consolidare il rapporto di amicizia e collaborazione con alcune associazioni d’interesse prettamente ambientale (Scout, Amici del Parco, Trekking Falco Naumanni) dall’altro vuole incrociare altre risorse dell’articolato mondo del volontariato: in questo modo ad esempio, l’Unitre – Università delle tre età, potrà includere nel suo calendario di attività alcune giornate didattiche da vivere fra i banchi di una singolare e bucolica aula nel cuore del parco; e magari parlando di filosofia, piuttosto che di scienza capiterà di scorgere il volo di una timida albanella.  Allo stesso modo gli attivisti della Fidas, associazione che si occupa di promuovere la cultura della donazione del sangue, potranno darsi appuntamento nel parco e magari organizzare anche degli eventi pubblici. Ed il Parco a sua volta potrà dare visibilità alle attività associative. Altro intento sotteso dal progetto è infatti quello di offrire gli stessi spazi ai visitatori del Parco, che impegnati a seguire le tracce di storia arte e natura, potranno incrociare il protagonismo civile del territorio: storie di donne e uomini, piccoli e grandi che donando parte del proprio tempo per una causa utile, sono un esempio di cittadinanzattiva, e rappresentano una parte bella della nostra società che è importante far conoscere.

Oltre alla realizzazione delle aule verdi, i volontari realizzeranno un sentiero natura corredato di tabelle esplicative, che da Jazzo Gattini condurrà alla chiesa rupestre di San Falcione, percorrendo un bellissimo tratto della gravina sul torrente Jesce.

In armonia con la materia simbolo del pascolo roccioso della murgia, la pietra, a guidare i visitatori lungo il sentiero saranno le vecchie chianche in pietra calcarea di Piazza San Pietro Caveoso nei Sassi di Matera, dismesse a seguito di recenti lavori di restauro. Una soluzione, quest’ultima, a basso impatto ambientale e paesaggistico, economica, ed oltretutto in grado di dare nuova vita a delle bellissime pietre che viceversa non potrebbero che trovare dimora in una triste discarica.

Appuntamento quindi al Cea per volontari vecchi e nuovi che vogliano prendere parte ai lavori. Il progetto vuole infatti stimolare la partecipazione non soltanto degli attivisti consolidati dei vari gruppi associativi coinvolti, ma anche attrarre l’attenzione di quei tanti cittadini piccoli e grandi che non hanno avuto ancora l’occasione di incrociare il volontariato nel percorso della loro vita, pur avendone dichiarato desiderio – è l’invito che rivolge infine Nicola Montemurro animatore del Cea.

.. Seguendo l’esempio dei parchi che vantano i migliori modelli gestionali, dove l’impiego del volontariato è ormai una tradizione storicizzata che assicura un valore aggiunto al rapporto di sussidiarietà e collaborazione tra Volontariato e Istituzioni.

Per ulteriori informazioni per prender parte ai lavori è possibile chiamare i seguenti numeri telefonici: Cea 0835.332262, Nicola Montemurro 333.7129536

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *